Raccolta delle castagne: vademecum per la ricerca perfetta

Le castagne in Lombardia ,in tempi passati,costituivano un’ ottima fonte di energia,dato il loro valore nutrizionale.

Ai nostri giorni,invece,la raccolta delle castagne è diventata un passatempo molto divertente per grandi e piccini.

La castagna, frutto autunnale per eccellenza, nasce dal castagno e non va confusa con i semi dell’ippocastano, che le somigliano moltissimo.

Autunno, tempo di castagne

Castagne: dove cercarle in Brianza

Molte sono le località lombarde dove è possibile raccogliere le castagne; noi siamo stati a cercarle nel Parco di Montevecchia e della Valle del Curone (LC).

Infatti in località Ca’ Soldato, si trova un bel castagneto e la ricerca è semplice anche per i bambini più piccoli.

Castello di Brianza

Nel comune di Castello di  Brianza sono diversi i boschi di castagni e la raccolta per noi è stata molto proficua.

Castello di Brianza,nel cuore della Brianza lecchese, si trova a circa 20 km da Monza e lo si raggiunge in circa mezz’ora d’auto.

Si può parcheggiare nelle piazzole sterrate che si trovano in prossimità dei sentieri che conducono nei boschi .

Fatti pochi passi già si può osservare un tappeto di ricci che ricopre il sentiero.

Castagne coi bambini in Brianza

Il bottino finale della nostra ricerca, durata circa un’ora e mezza,non è stato niente male!

Sempre in zona si trova il Sentiero dei Proverbi, a La Valletta Brianza, in località Lissolo.

Una vota percorso il bel sentiero fra i detti popolari brianzoli, arriverete in un bosco di castagni; anche qui in piano e facile per i più piccoli.

A Colle Brianza,invece, sul monte San Genesio, troverete castagne ovunque.

Parcheggiata l’auto presso il Santuario della Madonna del Sasso, e occorre dirigersi verso l’Eremo di San Genesio.

Sul versante opposto del Monte San Genesio si trova il piccolo borgo di Aizurro, frazione di Airuno (LC).

Appena arrivati nel paesino troverete già i ricci sul manto stradale.

Infatti qui i castagni pullulano e non potrete fare altre che riempite i vostri sacchetti di succulenti frutti marroni.

Bottino ricco anche in questa zona!

Rimanendo nel Parco del Curone sul sentiero che da Valle Santa Croce (Missaglia) giunge alla Cappelletta di Crippa troverete parecchi castagni!

E se avete voglia di fare qualche passo in più potete proseguire sul Sentiero dei Roccoli molti altri vi aspetteranno!

Castagne: dove cercarle in Lombardia

Vi segnaliamo altri luoghi in Lombardia dove trovare le castagne  in belle cornici di paesaggio o zone interessanti culturalmente.

A Rezzago, in provincia di Como, oltre a conoscere i funghi di terra, potete arrivare nel castagneto comunale e fare incetta di castagne.

Bella passeggiata con qualche saliscendi, raccolta delle castagne ideale per bambini grandicelli.

Invece in Valchiavenna luongo il Sentiero del Tracciolino, nel borgo di San Giorgio troverete alberi castagne davvero imponenti!

Dopo aver percorso la Decauville abbandonata, fra gallerie e paesaggi da sogno sopra il Lago di Novate Mezzola, la ricerca sarà proficua, ma anche qui adatta a bambini camminatori.

Chiedete sempre agli abitanti del luogo se le castagne sono di proprietà ( in generale se sono Marroni saranno alberi piantati, al contrario i castagni selvatici in genere crescono spontanei nei boschi).

Raccolta delle castagne: come equipaggiarsi

L’ abbigliamento migliore per cimentarsi nella raccolta delle castagne deve essere innanzitutto comodo e a strati per coprirsi/scoprirsi a seconda della temperatura.

Un giubbetto leggero è ideale in questo periodo!

Per Luchino abbiamo portato dei pantaloni impermeabili da indossare sopra ai suoi,dato che le piogge dei giorni precedenti avevano lasciato l’erba e il sottobosco bagnati.

Le calzature più adatte sono gli scarponcini da montagna, ancor meglio impermeabili; i sentieri nei boschi sono spesso umidi e sdrucciolevoli per la presenza di foglie per terra.

Autunno : foglie sul sentiero

Portate sempre uno zaino, sarà utile per contenere tutto il necessario (borse, sacchetti ecc..) .

Raccolta delle castagne: come raccoglierle

Per raccogliere le castagne bisogna indossare i guanti da lavoro, tipo quelli da giardinaggio robusti.

Non avendoli trovati a misura di bambino, per Luchino ci siamo arrangiati con dei guanti da bici invernali.

Raccolta delle castagne

Per aiutarsi ad aprire i ricci potrebbe essere utile avere un bastone oppure fare pressione con entrambi i piedi per far fuoriuscire le castagne.

Inoltre bisogna prestare attenzione che i ricci non siano rinsecchiti o anneriti, perchè potrebbero contenere frutti marci.

Le castagne vanno ben osservate affinchè non ci siano fori o la buccia sia secca :nel dubbio, come fare a sapere se le castagne raccolte sono commestibili ?

Basta immergerle in acqua fredda e gettare quelle che vengono a galla; dopo questa operazione le castagne vanno messe ad asciugare, rigirandole più volte .

Castagne: i vari metodi di cottura

Le ricette per cuocere le castagne sono molteplici.

Eccone alcune :

  • In forno: incidere la buccia delle castagne ed infornarle a 220 gradi per 30 minuti circa.
  • Nel microonde : mettere nel micro due ciotole ,una contenente le castagne e l’altra con dell’acqua; accendere per 5 minuti alla massima potenza.
  • Nella padella coi buchi : incidere le castagne e disporle nella pentola con l’incisione verso l’alto.
  • In pentola :mettere 3 litri d’acqua per ogni chilo di castagne .Portare a bollore e versare le castagne facendole cuocere almeno 40 minuti.

 

Per altre informazioni sul Parco del Curone  www.parcocurone.it

 

Aggiornato a Ottobre 2019

4 pensieri su “Raccolta delle castagne: vademecum per la ricerca perfetta”

  1. Anche a noi piace un sacco raccogliere le castagne, è un bel modo per trascorrere i pomeriggi autunnali all’aria aperta! Per cucinarle poi ci affidiamo ai nonni, a loro riesce tutto più buono!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *