I Giardini della Villa Reale -Monza-

La Villa Reale di Monza è un palazzo storico in stile neoclassico costruito dagli Asburgo durante la loro dominazione nel XVIII secolo ed utilizzato come dimora di campagna fino ai tempi dei Savoia.

foto tratta dal web

I Giardini della Villa reale, la storia

I Giardini della Villa Reale sono un esempio di giardino all’inglese, realizzati nel 1778 ed al loro interno si trovano specchi d’acqua,ruscelli ed alberi giganteschi come querce,cipressi e cedri.

Essi rappresentano un polmone verde della città di Monza e sono un complesso non solo di alto valore storico-culturale, ma anche naturalistico.

I Giardini vennero realizzati in un’area della Villa Reale dietro al Serrone, seguendo il progetto dell’Architetto Giuseppe Piermarini.

Al suo interno si trovano ben 15.000 varietà botaniche, introdotte nei tempi dai vari giardinieri e botanici, che si sono susseguiti alla cura dei Giardini della Villa Reale.

Dagli anni 20 dell’800 i Giardini sono stati aperti al pubblico per il volere del Vicerè Ranieri.

I Giardini della Villa Reale coi bambini

Noi per giocare nei grandi prati verdi e fare merenda all’aperto noi preferiamo gli spazi adiacenti alla Torretta, che sitrova a ridosso di Viale Cavriga, su una collinetta.

foto tratta dal web

Si tratta di un edificio neogotico di ispirazione medievale con torre e smerli, nel quale ora si trova un punto ristoro.

Esso è  aperto in estate dal martedi al venerdi dalle 11 alle 19, mentre nel week end dalle 9.30 alle 20 .

Per arrivare ai Giardini della Villa Reale abbiamo fatto una biciclettata entrando dal Parco di Monza da Biassono in Via Costa Alta dove si trova, appena poco dopo l’ingresso, l’Ostello Costa Alta.

Si costeggia quindi la zona recintata del campeggio “Monza Camping” fino all’incrocio con l’ingresso al Parco di Vedano al Lambro e si prosegue dritti in direzione Cascina san Fedele.

 

Per entrare ai Giardini della Villa è necessario depositare le biciclette poichè è vietata la circolazione all’interno , pena multa da parte delle guardie di vigilanza.

Qui c’è solo l’imbarazzo della scelta di dove mettersi, se si preferisce una zona soleggiata o all’ombra dei tanti alberi.

Noi ne abbiamo approfittato per una merenda con gli amichetti di Luchino e per far volare gli aquiloni con grande gioia dei bambini che hanno la possibilità di correre in grandi spazi e giocare in libertà.

Info utili e links

I Giardini della Villa Reale sono aperti dalle 7.00 alle 20.00.

Come da regolamento esposto all’ingresso :

-l’entrata è consentita solo ai pedoni;

-i cani devono essere tenuti al guinzaglio;

-e’ vietato giocare a palla ;

-é vietato calpestare le aiuole, cogliere fiori e danneggiare gli alberi .

Per info

www.villarealedimonza.it

www.reggiadimonza.it

Condividi sui tuoi social

5 pensieri su “I Giardini della Villa Reale -Monza-”

  1. Pingback: Autunno in Lombardia:passeggiate coi bambini - In giro con Luchino

  2. Pingback: BooKids Festival 2018 -Villa Reale - Monza - In giro con Luchino

  3. Pingback: Passeggiata culturale nel Parco di Monza: Villa Mirabello e "Lo Scrittore" - In giro con Luchino

  4. Nel Gruppo fb “SEI DI MONZA SE….” ho postato il cartello con i vari divieti relativi al comportamento nei Giardini Reali. Ricevuti molti commenti, ma uno in particolare merita chiarimento : un paio di persone mi riportano che tra i divieti non segnalati c’è quello di ‘non calpestare l’erba’ e mi8 invitano ad andare sul vostro sito per conferma. Fatto.ma non trovato niente in merito, anzi si parla di possibilità di godere degli spazi verdi ( es. zona torretta), mentre si fa specifico riferimento a non calpestare le aiuole, non danneggiare alberi e piante, etc. Potete cortesemente chiarirmi come stanno realmente le cose in merito a passeggiare o sostare nei prati ? Grazie, e buona serata.

    1. Buonasera, per le info in mio possesso è vietato da regolamento calpestare le aiuole (non l’erba) e cogliere l’erba.
      L’ultima volta che ci siamo stati, il personale addetto “accompagnava” fuori dai cancelli chi era all’interno con la bicicletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *