passeggiata in Val di Mello coi bambini

Passeggiata in Val di Mello coi bambini

Dopo che tante volte abbiamo rinviato questa gita in montagna, stavolta, complice la calura estiva, abbiamo fatto volentieri la passeggiata in Val di Mello con bambini.

La Val di Mello, riserva naturale dal 2009, è una valle laterale della Val Masino, in provincia di Sondrio.

Essa ha inizio nell’abitato di San Martino e termina con il gruppo del famoso Monte Disgrazia, a 3300 metri di altitudine.

La presenza di pareti di granito rende questa zona molto frequentata dagli arrampicatori, anche stranieri.

Passeggiata in Val di Mello coi bambini: come arrivare

Per poter accedere alla Val di Mello bisogna arrivare con l’auto a San Martino, il paese più alto della Val Masino.

Da Milano si arriva in circa 2 ore (130 km) attraverso la SS36 e seguendo per la Valtellina.

Se avete fortuna, o arrivate molto presto, potete trovare alcuni parcheggi liberi all’inizio del paese, ma i posti sono davvero pochi.

In alternativa i parcheggi sono a pagamento (€7 per tutto il giorno dalle 8 alle 18)

Accanto all’ Infopoint trovate la macchinetta che eroga lo scontrino e il cambiamonete; sempre da lì parte la navetta ogni 15 minuti che porta al termine della carrozzabile al costo di €2 per adulti e un euro per bambino a tratta.

Noi, data la lunga coda d’attesa, abbiamo preferito,in alternativa, percorrere il breve sentiero che passa prima nell’abitato di San Martino e poi nel bosco (circa 20 minuti di camminata).

Passeggiata in Val di Mello coi bambini: il percorso

Superato il campeggio sulla destra ha inizio il vero percorso della passeggiata in località Ca’ Panscer; subito sulla sinistra incontriamo il primo ristorante presente in Val di Mello il “Gatto Rosso” ai piedi del “Precipizio degli Asteroidi” una delle pareti granitiche di arrampicata.

Il sentiero da pianeggiante inizia a farsi leggera salita sui pietroni.

Il torrente Mello già qui offre acque invitanti, color verde smeraldo;

passeggiata in Val di Mello, il torrente coi bambini
Il Torrente Mello

proseguiamo sulla mulattiera fino ad arrivare ad uno dei punti più fotografati della Val di Mello:i n questa parte si trova,infatti, il “Bidet della Contessa”, cioè un bellissimo laghetto contornato da natura lussureggiante.

Una bellezza mozzafiato!

passeggiata in Val di Mello coi bambini: il bidet della contessa
Il “Bidet della Contessa”

Dato il tempo incerto preferiamo però non fermarci a fare il bagno e proseguiamo sul percorso.

Si costeggia quindi il torrente per un po’ fino ad allontanarsi; un ponte di legno porta ad un rifugio ad un gruppo di baite in località Ca’ de Scuma.

Proseguendo prima lungo il torrente e poi  fra prati e zone boschive si arriva ad un altro laghetto smeraldo con un grosso masso al quale è legata una corda per arrampicarsi; essendo però un po’ viscido non ci sembra opportuno  salirci sopra.

passeggiata in Val di Mello coi bambini
Masso che sovrasta la pozza nel Torrente

Si arriva dunque alla località Cascina Piana, un vero e proprio borgo; anche qui si trovano due rifugi dove eventualmente rifocillarsi: il Rifugio Mello ed il Rifugio Luna Nascente.

Troviamo anche una fontanella con dell’ acqua freschissima ed un enorme masso che è possibile scalare (prestate attenzione ai bambini però!).

passeggiata in Val di Mello coi bambini.masso da scalare
masso da scalare

Avanti ci reimmergiamo nel bosco e si giunge al bivio che a sinistra porta in Valle Zocca, verso rifugio Allievi, mentre noi proseguiamo per raggiungere il Rifugio Rasega.

Altro bivio: a destra un cartello con scritto “scorciatoia” ci invita a fare qualche passo avanti, ma questa via per i bambini non è praticabile, poichè occorrerebbe guadare il torrente, in questo punto abbastanza impetuoso.

passeggiata in Val di Mello, UNA CASCATELLA coi bambini
cascatella

Ritorniamo dunque sui nostri passi e dopo circa 10 minuti di cammino in salita si apre una piccola vallata con un insieme di baite ed il  Rifugio Rasega.

Il torrente crea in questo posto altre pozze dove è semplice far bagnare i bambini.

passeggiata in Val di Mello coi bambini:il torrente
torrente davanti al Rifugio Rasega

Per i più allenati da qui partono alcune escursioni, tutte abbastanza impegnative per  i bambini, che ormai hanno deciso di fare il bagno.

Il rientro è previsto  sulla medesima strada: il sole ha finalmente fatto capolino e ne approfittiamo per fare il bagno nel “Bidet della Contessa”, quasi al tramonto, quando la maggior parte delle persone è già sulla via del rientro.

Val di Mello: i nostri consigli

  • Avendo visto persone scivolare sui sassi del sentiero perché a piedi indossava le  infradito, vi suggeriamo di avere almeno le scarpe da ginnastica; perché rischiare di farsi male? Le ciabatte o le scarpette hanno un peso esiguo  da portare nello zaino.
  • Diverse sono le fontanelle con l’acqua potabile presenti sul percorso.
  • Se non volete portare il peso del pranzo al sacco fermatevi  a mangiare in uno dei tanti punti ristoro della Val di Mello, ma ricordatevi di prenotare perchè il weekend sono molto affollati.
  • Raccontate ai bambini la leggenda del Gigiat(ritratto sulla parete esterna di un’abitazione di San Martino); si tratta di un animale che popola la Val Masino, di gigantesche dimensioni, un incrocio tra un caprone e un camoscio. Esso è in genere di indole tranquilla, ma sa essere severo con chi non rispetta la valle. Tutto ciò  per dirvi che non ci sono molti cestini della pattumiera sul percorso, quindi ricordatevi di portare a casa con voi  la spazzatura. Bisogna essere sempre ecosostenibili sia in casa che fuori!
  • Se siete amanti dei formaggi di montagna non perdetevi quelli dell’ “Agriturismo Cà di Scuma”, una vera delizia!
  • Per qualsiasi dubbio rivolgetevi all’Infopoint di San Martino o all’Ufficio del Turismo di Valmasino.

 

Siete stati anche voi in Val di Mello?

Fateci sapere ci sapere nei commenti se vi è piaciuta.

4 pensieri su “Passeggiata in Val di Mello coi bambini”

  1. Che scorci incantevoli! Deve essere davvero u bel percorso da fare con i bambini. Metto in lista, sperando si possa passeggiare tranquillamente anche in ottobre, che è il nostro primo mese utile per partire!

  2. Ammetto di non conoscere molto queste zone, ma sembrano davvero paradisiache.
    Chi avrebbe mai detto che mi sarebbe venuta voglia di andare a fare il bagno in un posto che si chiama “bidet della Contessa”? 😀

  3. Dei posti veramente spettacolari. Montagna, acque cristalline e credo temperature davvero confortevoli. Avete fatto bene andarvene in montagna in questo periodo. Complimenti per l’articolo e per le bellissime foto. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *