Passeggiata nel Parco del Curone: Valle Santa Croce

Giornata uggiosa, ma con tanta voglia di sgranchirsi le gambe.

Abbiamo proprio il desiderio di una passeggiata nel Parco del Curone, provando però un itinerario nuovo.

Dopo averne percorsi diversi decidiamo di esplorare la Valle Santa Croce, partendo da Missaglia (Lecco).

Come arrivare in Valle Santa Croce a Missaglia (LC)

Per arrivare in questo paese della Brianza lecchese  da Milano/Monza basta prendere la Tangenziale est, raggiungendo Missaglia in circa 40/50 minuti.

Giunti nel centro dell’abitato si prosegue lungo la Via alle Valli, superando la “Croce dei Morti della Peste”, testimonianza dell’epidemia che colpì nel ‘600 queste zone.

Poco più avanti infatti si trova sulla sinistra un ampio parcheggio accanto allo “Stagno delle Rane”, dove ha inizio il percorso vita.

La Valle Santa Croce è integrata nel Parco del Curone ed è stata riconosciuta nel 2005 come S.I.C. , ovvero Sito ad Interesse Comunitario; si tratta infatti di un’area ad alto valore storico e naturale, dell’ampiezza di circa 1200 ettari.

La partenza del percorso dal piccolo borgo

Ci incamminiamo lungo la strada asfaltata per la nostra passeggiata nel Parco del Curone fino ad arrivare al bivio  e teniamo la destra, continuando sulla strada asfaltata.

Prima di arrivare ad un piccolo nucleo di abitazioni troviamo una pianta alquanto singolare: l‘albero dei folletti.

Passeggiata nel Parco del Curone: la valle santa croce
Il curioso Albero dei Folletti

Qualche passo più avanti e scorgiamo la Chiesa di Santa Croce, che secondo tradizione popolare è stata fondata da un crociato di ritorno dalla Guerra Santa.

I resti storici indicano però che essa venne edificata nel VI / VII secolo, poiché alcuni ritrovamenti riportavano scritte in alfabeto etrusco.

chiesa di santa croce
La Chiesa di Santa Croce

Lasciata la chiesa alla nostra sinistra, imbocchiamo il sentiero che porta in pochi passi nel bosco.

Proseguiamo su un tappeto di ricci di castagne e primule ai lati (attenzione che la direzione non è segnata) fino a sboccare sulla stradina bianca che sulla sinistra diventa la “Salita del Cancello”, cara ai bikers della zona.

La sorgente della Molgoretta e la Grotta della Madonna

Proseguiamo sulla stradina bianca in discesa fino al secondo sentiero che scende a sinistra, seguendo le indicazioni per Valle Santa Croce.

Questo nuovo sentiero è detto “Sentiero dei cani”; attenzione al primo bivio che si incontra di non imboccare la via che porta la alla Cappelletta dei Crippa.

Infatti scendendo da quella parte vi ritrovereste a percorrere il Sentiero dei Roccoli, che ci abbiamo già raccontato in questo post.

Sempre in discesa raggiungiamo un luogo religioso che sembra uscito da una favola: un angolo del bosco che accoglie una piccola grotta.

Questa è chiamata Grotta della Madonna, una roccia che sorge in prossimità della sorgente del Torrente Molgoretta: esso  crea una cascatella che confluisce in un piccolo bacino sottostante la statua di Maria.

Passeggiata nel Parco del Curone: la grotta della madonna in valle santa croce

Da qui continuiamo a scendere e dopo aver guadato il torrente giungiamo sulla strada asfaltata che riconduce al parcheggio.

Passeggiata nel Parco del Curone in Valle Santa Croce
Vista sulla Valle Santa Croce

Si conclude così presso lo “Stagno delle Rane” la nostra passeggiata nel Parco del Curone.

Consigli utili per questa passeggiata nel Parco del Curone

  • Questo sentiero alla scoperta della Valle Santa Croce è semplice e breve;
  • È inutile dire che questa passeggiata nel Parco del Curone è adatta a tutti anche a famiglie con bambini e cani;
  • Lungo il percorso non sono presenti fontanelle per l’acqua potabile;
  • È preferibile indossare scarpe da trekking impermeabili, per guardare in tutta sicurezza il torrente.

Vi lasciamo in questa schermata del percorso per intero, preso dalla comoda applicazione “Outdoor Active”, che si scarica facilmente da Google Play.

Avete percorso anche voi questa passeggiata nel Parco del Curone?

Fatecelo sapere nei commenti!

Per altre foto vi rimandiamo al nostro profilo Instagram, seguiteci anche lì.

Monica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *