Nel Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone (LC)

In questa domenica uggiosa non abbiamo potuto rinunciare ad una passeggiata all’aria aperta.
Così abbiamo optato per un sentiero semplice nel Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone (LC).

Il Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone

Si tratta di un un’area naturale protetta situata in Brianza che interessa diversi comuni nel territorio del Meratese.

In questi boschi sono presenti alcune specie animali tipiche di questi territori come scoiattoli, ghiri, talpe e altri roditori , alcuni tipi di rapaci sia diurni che notturni e varie specie di uccelli .

Il Parco Regionale di Montevecchia e della Valle del Curone è attraversato da diversi corsi d’acqua come il Curone, la Molgora ed altri torrentelli, nonchè sorgenti naturali , la cui acque hanno dato origine a rogge e fontanili .

Inoltre nella vallata di Montevecchia si possono scorgere molti vigneti dai quali si produce il vino detto appunto “Montevecchia”.

Il centro del Parco Regionale di Montevecchia edella Valle del Curone  si trova nel comune di Rovagnate presso Cà del soldato,un antico cascinale ristrutturato, dove è possibile visitare un museo aperto nel week end dove ammirare la fauna locale.

Il nostro percorso alla Colina dei Cipressi

Lasciata l’auto nel parcheggio di  Cà Soldato abbiamo attraversato la strada asfaltata e imboccato una carrareccia e ci siamo diretti alla “collina dei cipressi ” detta anche Prima Piramide di Montevecchia.

Questa fa parte di tre strutture geologiche identiche a forma piramidale ,che hanno negli anni fatto crescere l’interesse per questo posto come luogo misterioso.

Infatti è tuttora inspiegabile come tre colline pressochè identiche costituite da gradoni possano essersi formate in modo del tutto naturale e simile alle antiche Piramidi egizie .

Se vi intriga il mistero volete saperne di più leggete l’articolo dedicato a Montevecchia su http://www.luoghimisteriosi.it

Nonostante il cielo coperto  ci siamo comunque divertiti a salire fino in cima e godere della vista delle colline circostanti avvolte dalla foschia .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *