Il fungo di terra di Rezzago

Ai “funghi di terra” coi bambini – Rezzago -(CO)

Una bella passeggiata in Lombardia coi bambini?

Oggi siamo stati a Rezzago (CO) a cercare i “funghi di terra“, incuriositi da un articolo degli Exploratori della Domenica.

I “funghi di terra” sono delle architetture naturali, dette piramidi di erosione,composte da colonne di terra che sorgono dal terreno.

Essi hanno alla sommità un “cappello” costituito da un masso che fa sembrare queste formazioni dei veri e propri funghi.

Abbiamo così invogliato i bambini (Luca e la cuginetta) in questa passeggiata a cercare i funghi giganti e si sono parecchio divertiti.

Ai “funghi di terra” coi bambini: dove si trovano

I “funghi di terra” si trovano nel comune di Rezzago (CO),nel territorio del Triangolo Lariano.

Da Milano e Brianza in auto si prende la SS36 e si esce a Erba (CO), preseguendo fino a Canzo.

Da lì in pochi km in salita si giunge all’abitato di Rezzago, impiegando poco più di un’ora dal capoluogo lombardo.

Ai “funghi di terra” coi bambini: il percorso

Siamo giunti a Rezzago intorno alle 11 ed abbiamo cercato parcheggio.

La partenza dell’escursione ai “funghi di terra” si trova nei pressi del Municipio ed abbiamo posteggiato poco più avanti.

Seguendo le indicazioni abbiamo percorso la via che si snoda nel centro di Rezzago,fino ad arrivare alla “Fontana dell’Acqua Bona”.

La fontana,inizio del percorso
La fontana dell’Acqua Bona

Qui il bivio che inizia/conclude il percorso ad anello.

Decidiamo di percorrerlo in senso antiorario e prendiamo la strada asfaltata che sale, seguendo le indicazioni per l’Agriturismo Cascina Enco.

Il sentiero prosegue poi in costa abbastanza pianeggiante sullo sterrato.

percorso in costa
Primo tratto del percorso

Si cammina sino a superare un ponticello e lì ci fermiamo per far giocare un po’ i bambini al torrente e per pranzare ad un grosso tavolo di legno.

La strada qui sale ancora abbastanza in pendenza per qualche tornante e spiana quando si giunge al Castagneto di Enco; poco più avanti si arriva all’Agriturismo omonimo, dopo ci riposiamo nei prati adiacenti prima di riprendere il cammino.

Agriturismo cascina enco a rezzago
Agriturismo Cascina Enco

Ritornati di poco sui nostri passi si imbocca il sentiero indicato a destra, dove, dopo pochi metri ,si giunge al Belvedere che domina la vallata.

Scendendo alla sinistra di questo,attraverso un percorso a gradini con corrimano in legno,giungiamo al cospetto del primo fungo.

gradinata per raggiungere il primo fungo di terra
discesa al Primo Fungo di Terra
Il fungo di terra di Rezzago
Il primo Fungo di Terra

Riportandosi sulla destra si prosegue in leggera salita fino ad arrivare al secondo fungo.

il secondo fungo di terra di rezzago
Il secondo fungo di terra

E’ possibile vedere lì accanto una nuova formazione che sta uscendo dalla roccia, ma ancora parzialmente inglobata.

il fungo di terra che sta emergendo
La nuova formazione

Dicono i pannelli con le spiegazioni che ci vorrà ancora qualche decennio prima che il fenomeno erosivo lo porti completamente alla luce.

Tornati indietro percorriamo la “Valle dei morti” fino ad una chiesina, detta Madonna dei Morti, adiacente ad un gigantesco masso erratico.

Ai funghi di terra coi bambini,la madonna dei Morti
La Madonna dei Morti

Qui si trovano delle panchine e di nuovo il torrente Rezzago, dove ci siamo fermati per la merenda.

Riprendendo il percorso in leggera salita si giunge al bivio dove abbiamo iniziato il percorso ad anello (circa 6 km in piano).

Ai “funghi di terra” coi bambini: i nostri consigli

La partenza del percorso si trova a circa 700 metri; noi siamo stati ai “funghi di terra” a fine Marzo e nelle zone in ombra,nonostante i 22°C, l’arietta fresca si faceva sentire.

Consigliamo,inoltre,gli scarponcini da montagna,poichè alcune zone presentano il terreno scivoloso.

Sul percorso si trovano diverse fontanelle per l’acqua potabile ,ad eccezione della parte del bosco.

Ci sono anche numerose aree di sosta per il pranzo al sacco (la più grande prima dell’ingresso al castagneto Enco) .

Nel caso non vogliate portarvi il pranzo da casa, ci si può rifocillare all’Agriturismo Cascina Enco o alla Trattoria Belvedere,che si trova ad inizio/fine del percorso ad anello.

La durata della passeggiata è di circa due ore,noi coi bambini ce la siamo presa comoda e siamo arrivati all’auto alle 17,30.

ALT! Ti potrebbe anche interessare la passeggiata al Sentiero dei Proverbi,in Brianza.

 

Avete mai visto questi fenomeni della natura? Vi interessano?

 

10 pensieri su “Ai “funghi di terra” coi bambini – Rezzago -(CO)”

  1. Mia figlia sarebbe collassata ai primi cento metri. E’ molto pigra, e non sempre riusciamo a farla camminare nei sentieri, purtroppo. Ma ora sembra che con il nuovo arrivato, un cuccioletto molto sveglio, sia leggermente invogliata a seguirlo. Spero che in questo parco facciano entrare gli animali 🙂

  2. Ecco svelato l’arcano di quello strano funghetto che avevo visto nella tua galleria su Instagram. Ma che percorso e che trovata particolare avete scovato. Non conoscevo i funghetti ma la storia mi pare di capire sia similare a quello delle piramidi di terra che si trovano vicino a Bolzano. Interessante escursione da fare con i bambini.

  3. Davvero strane queste formazioni rocciose, un po’ mi ricordano le Piramidi di Segonzano, non so se le hai mai viste, sono in Trentino, in una valle vicino a Trento. Ma, ricordano anche i Pinnacoli, nel deserto giallo australiano. Che bello il mondo, così grande ma anche così piccolo

  4. Mia figlia avrebbe iniziato a brontolare dopo 10 minuti, per poi perdersi a guardarsi intorno e le sarebbe passato tutto. Del resto lo spettacolo deve essere meraviglioso. Magari in settembre provo a portare Andrea Chandra, munita di Triride per i punti meno facili.

  5. Che bello questo percorso. Direi che è perfetto anche per me che sono curiosa e mi piace fotografare le meraviglie della natura. Non è molto lontano da casa mia, potrei farci un giro non appena il tempo migliora.

  6. Pingback: Escursione alla Valle del Brunone coi bambini -Berbenno- (BG) - In giro con Luchino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *