ecosostenibilità coi bambini

Ecosostenibilità coi bambini in casa e fuori

Il 22 Aprile sarà celebrato l'”Earth day” in tutto il mondo.

Oltre a prendere parte a iniziative che vengono promosse in questo giorno per la salvaguardia della Terra,noi ci impegnamo quotidianamente con piccoli gesti.

Si può sostenereanche  l’ecosostenibilità  coi bambini in casa e fuori.

Ed è ai nostri bambini che ci dobbiamo rivolgere per insegnare loro ad essere ecosostenibili oggi e domani, attraverso la quotidianità ed uno stile di vita più rispettoso dell’ambiente.

Vediamo qualche idea per realizzarlo concretamente.

Ecosostenibilità: che cos’è

ecosostenibilità coi bambini
Rispettiamo l’ambiente

Nella Giornata Mondiale della Terra gli ecologisti di tutto il mondo riescono a farsi sentire un po’ di più e rendere pubbliche le problematiche legate all’ambiente.

Inquinamento, esaurimento delle risorse, riciclo sono alcuni dei temi che vengono affrontati in questa giornata.

 

L’ecosostenibilità è quell’insieme di azioni messe in atto per raggiungere l’obbiettivo del rispetto del mondo vegetale ed animale, per una vita più pulita e naturale possibile.

Essere ecosostenibili ha molteplici sfaccettature: significa ridurre tutto ciò che ha un impatto negativo sull’ambiente in ogni momento della nostra giornata.

Si può essere ecosostenibili,infatti, anche scegliendo di utilizzare la bicicletta per i piccoli spostamenti quotidiani, oppure fare una passeggiata (così ne giova anche la nostra salute e quella dei nostri bambini!).

Ecosostenibilità coi bambini: come praticarla in casa

ecosostenibilità coi bambini
Rubinetto che gocciola

I comportamenti ecosostenibili sono norme di buon senso che possiamo praticare in casa e fuori.

L’ecosostenibilità coi bambini può attuarsi in diversi modi, soprattutto insegnando loro uno stile di vita lontano dagli sprechi casalinghi.

Riflettiamo sulle nostre abitudini: siamo avvezzi allo spreco alimentare?

Acquistiamo cibo che poi non consumiamo per eccesso di spesa o perchè ai bambini “non piace” ?

In questo caso siamo noi adulti a dover stilare dei menu settimanali per i pasti in modo da calibrare gli acquisti di ciò che serve realmente.

Durante la spesa bisogna sempre tenere d’occhio la data di scadenza,in modo che non sia troppo vicina e dia più tempo per consumare un determinato prodotto.

Buona norma è non acquistare per i propri bambini cibo che non apprezzano e che quindi andrebbe gettato; stessa cosa vale per le quantità di ciò che viene cucinato.

Perchè abbondare smodatamente nelle dosi se sappiamo che poi non verrà consumato tutto?

Qui può venirci in aiuto il congelatore.

Anche lo spreco energetico ha un forte impatto sull’ambiente (e perchè no,anche sul nostro portafogli!).

L’ecosostenibilità coi bambini si può attuare contrastando lo spreco dell’acqua. Avete presenti quanti litri di acqua consumiamo inutilmente lasciando aperto il rubinetto?

Mentre i bambini si lavano i denti o fanno la doccia è il momento migliore in cui insegnare loro a chiudere,anche brevemente, l’acqua per non sprecarla.

Stesso principio per lo spreco di energia elettrica.

Lasciare accesa inultimente la luce, piuttosto che mettere in funzione gli elettrodomenstici come lavatrice e lavastoviglie non a pieno caricoo su programmi troppo duraturi costituiscono uno spreco. Ci avete mai pensato?

Essere ecosostenibili coi bambini si può. Avete insegnato loro a fare la raccolta differenziata?

On line ci sono divertenti giochi per far capire quanto è importante dare nuova vita ai materiali.

Ecosostenibilità coi bambini: come praticarla fuori casa

Questa attenzione all’ecosostenibilità coi bambini vogliamo portarla anche fuori casa, durante le nostre gite in famiglia, escursioni,week end fuori porta per portare il nostro rispetto alla natura.

Pensiamo sia doveroso farlo, soprattutto quando ci immergiamo nella natura e siamo suoi “ospiti”.

Ecco come ci comportiamo durante le nostre gite a basso impatto ambientale, in cui pranziamo all’aperto.

Abbiamo iniziato con l’eliminare il più possibile l’usa e getta durante i picnic o merende fuori casa.

Eliminare in toto la plastica sarà un nostro prossimo obiettivo e durante le escursioni evitiamo di portare sacchetti di plastica, a favore di quelli riutilizzabili di stoffa.

Stesso criterio per le bottiglie, che abbiamo soppiantato con borracce durature.

Per gli alimenti  evitiamo incarti o imballaggi vari, preferendo contenitori con coperchi richiudibili.

Niente usa e getta anche per quanto riguarda tovaglioli di carta o scottex che creano rifiuto, ma utilizziamo quelli di stoffa e uguale discorso per le posate.

Per i rifiuti ci premuniamo sempre di sacchetti per suddividere i vari materiali e riportiamo tutto a casa.

Avere un atteggiamento ecostenibile è anche essere rispettosi dell’ambiente circostante insegnando ai bambini  a non raccogliere fiori,piante, sassi o conchiglie.

Essi staranno meglio nel loro ambiente piuttosto che nelle nostre case!

A questo link trovate alcune idee per “giocare all’ecologia” coi bambini.

 

ecosestenibilità coi bambini
Un fiorellino nel prato

 

Ho scritto questo post “di pancia”, in un momento di riflessione fatta fra me e me, ma volevo condividerlo con voi, magari per dare spunti o per essere voi stessi a darmi qualche suggerimento per acquisire sempre più uno stile di vita green.

 

 

 

 

 

 

9 pensieri su “Ecosostenibilità coi bambini in casa e fuori”

  1. Grazie Monica, sono spunti interessanti per riflettere su come tutti noi, nel nostro piccolo, possiamo contribuire alla salvaguardia della Terra, a casa ed in viaggio. Insegnare ai nostri figli, fin da piccoli, ad avere rispetto per il pianeta è fondamentale per crescere persone responsabili.

  2. é un argomento vastissimo. Io quest´anno mi sono imposta di acquistare meno. tutto meno. sono passata al detersivo in polvere racchiuso in cartone per la lavatrice, non compro piú il balsamo per i capelli ma faccio impacchi di olio, non compriamo saponi liquidi ma solo saponette, on compriamo ammorbidente. Riciclo tutta la carta in ufficio e porto a casa per farli disegnare. Non compro piú le verdure e i panini accettando le buste di plastica sottile e carta ma ho le mie borsette specifiche…uff starei qui fino a domani. ripeto é un argomento vastissimo. Le accortezze che hai scritto tu, qui in Germania sono all´ordine del giorno per tutti.

  3. Tutti questi spunti non dovrebbe ricordarceli nessuno, dovrebbero essere la nostra quotidianità, la nostra normalità! Noi adulti dobbiamo iniziare a dare il buon esempio, in modo che i bimbi ci possano copiare!

  4. Io devo lavorare molto sull’utilizzo della plastica. Devo cambiare mentalità perché le bustine piccole di plastica richiudibili le uso per tutto, da metterci i pezzetti di Lego sparsi per casa, a trucchi, graffette, elastici. Insomma sono comode. Ma capisco che se vogliamo un mondo migliore e salvare noi, animali dobbiamo andare verso il plastico free

  5. Pingback: Ergobag, lo zaino scuola ideale per i bambini - In giro con Luchino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *