La ciclabile della Valle Brembana e visita a San Pellegrino Terme (BG)

Per questa calda domenica volevamo fare una biciclettata con Luchino e i suoi amici in un posto fresco.

In lizza c’erano due mete, la ciclabile della Valsassina e quella della Val Brembana ed ha vinto quest’ultima meta !

Negli scorsi giorni ho spulciato molti siti internet e blog alla ricerca di informazioni pratiche (come la distanza fra i vari paesi che si incontrano lungo il tracciato o dove imboccare la ciclabile a percorso già iniziato ) ,ma quasi tutti riportavano la percorrenza totale della pista; essendo i bimbi ancora piccoli per percorrere i circa 40 km totali , abbiamo deciso di provare il tratto da S.Pellegrino Terme a Lenna .

– Come arrivare

Giunti a San Pellegrino Terme abbiamo cercato subito parcheggio ,trovandolo, dopo la zona industriale , a ridosso della ciclabile.

– La storia della Ciclovia della Val Brembana

Si tratta di una pista ciclopedonale che risale la Valle utilizzando il tracciato dell’ex ferrovia, che entrò in servizio nel 1906 con partenza da Bergamo fino ad arrivare a San Pellegrino Terme e 20 anni dopo, ultimati i lavori, fino a Piazza Brembana.

Il trenino della Valle venne dismesso nel 1966 e sostituito dalla rete degli autobus.

(Per vedere alcune splendide foto d’epoca cliccate qui )

Il progetto di riqualificazione dell’intera linea iniziò nel 2005 ed il tratto S.Pellegrino – Piazza Brembana venne inaugurato nel 2007 e l’anno successivo completato con  il tratto S.Pellegrino – Zogno.

– Il nostro percorso

Imboccata la pista ciclabile ci siamo diretti verso San Giovanni Bianco, che dista, circa 4 km.

La pista si presenta subito larga,ben asfaltata e a doppia corsia, con alcuni saliscendi, in alcuni punti ombreggiata , in altri più esposta al sole.

Gli scorci paesaggistici di cui si gode sono incantevoli , il fiume Brembo che taglia la Valle offre spettacolari viste.

Il percorso inizia ben presto ad addentrarsi nelle storiche gallerie, alcune maggiormente fresche e gocciolanti, altre più asciutte, ma quasi tutte ben illuminate .

Da San Giovanni Bianco si procede verso Camerata Cornello (2.7 km) e dopo aver goduto del fresco di una cascatella ci siamo fermati in un parco giochi / area pic nic per il pranzo ( per comodità lo abbiamo portato al sacco) , così che i bambini hanno potuto giocare liberamente .

Qui c’è inoltre la possibilità di scendere sul fiume per bagnarsi o fare il bagno,anche se la corrente nel mezzo del Brembo sembrava appastanza forte.

Dopo aver mangiato e riposato abbiamo ripreso le bici e ci siamo diretti verso Lenna (circa 6 km ) , ma non abbiamo raggiunto il paese ,poichè ci siamo fermati ad ammirare i cavalli dell’Agriturismo Ferdy in località Scalvino.

Vista l’ora abbiamo optato per tornare indietro e ci siamo fermati a San Pellegrino Terme per un gelato sotto i portici del centro.

– La visita a San Pellegrino Terme

San Pellegrino Terme è una località climatica e di cura che si trova nel centro della Valle Brembana ed è circondata dalle Prealpi Orobie .

Passeggiando fra le sue vie si respira l’aria della “Belle Epoque“, il periodo storico-culturale di fine Ottocento/inizi Novecento ,e qui si trovano diversi edifici in stile Liberty,lo stile artistico che contraddistinse quel lasso di tempo, come il Grand Hotel, il Casinò Municipale e le Terme.

Il Grand Hotel è un’enorme struttura che si trova lungo la sponda del fiume Brembo e risale appunto a inizi ‘900, fu costruito come un moderno hotel con tutti i comfort dell’epoca ed era destinato alla classe sociale più elevata : vi hanno soggiornato regine e re, personaggi politici come il Generale Cadorna, scrittori e uomini di cultura come Montale e Quasimodo, Fellini e molti altri.

Ormai in disuso è stato chiuso definitivamente nel 1979 e molti progetti si sono avvicendati per il recupero di questo importante bene storico- architettonico; si notano tuttora le impalcature sul retro dell’edificio e una gru.

Dopo aver visto una meravigliosa esibizione degli sbandieratori del gruppo “Sbandieratori musici dell’Urna “ di Urgnano (BG) ,abbiamo passeggiato lungo la via Papa Giovanni XXIII (lasciando le bici sotto i portici )  e poi ci siamo recati a visitare il Casinò Municipale aperto per uan manifestazione canora.

Esso risale al 1907 ed è stato progettato dall’Architetto Squadrelli come centro polivalente per il tempo libero degli ospiti più illustri di San Pellegrino Terme : fin dall’ingresso si rimane a bocca aperta dall’opulenza che trasmette!

 

Ritornati alle auto siamo ripartiti alle 18.30 ed il traffico purtroppo ci ha accompaganto fino all’ingresso dell’autostrada a Dalmine.

Consigli e links utili

Alcuni tratti della ciclabile sono condivisi con la strada, bisogna quindi prestare molta attenzione ,così come bisogna stare attenti ai pedoni che ne condividono il tracciato.

Le gallerie sono ben illuminate, noi però ci siamo premuniti di luci a led per le biciclette.

Sulle poche salitelle i bimbi sono scesi dalle bici e le hanno portate a mano, ma i tratti in salita sono davvero brevi.

Abbiamo portato delle felpine in caso di freddo nelle gallerie , ma dato che le temperature di questi giorni sono intorno ai 30 gradi non ce ne è stato bisogno.

Se non volete portarvi da casa il pranzo al sacco potete fermarvi ad acquistare qualcosa al supermercato “Milagros” che si trova nel piazzale della ex stazione di San Giovanni Bianco ; in questo punto si trovano anche alcuni bar , ma ne abbiamo trovato soltanto uno aperto.

Lungo il percorso non ci sono wc pubblici, se non quello posto nel parco giochi di Camerata Cornello.

I km totali percorsi in bici sono circa 27 , a piedi non li abbiamo conteggiati.

Per maggiori info sulla ciclabile :

www.vallebrembana.com

www.bicitalia.org

www.bergamogreen.altervista.org

Per scoprire gli eventi proposti a San Pellegrino Terme :

www.sanpellegrinoterme.gov.it

Alt! ti potrebbe anche interessare :

http://www.ingiroconluchino.it/il-parco-del-ticino/

3 pensieri su “La ciclabile della Valle Brembana e visita a San Pellegrino Terme (BG)”

  1. Pingback: La ciclopedonale del Naviglio Grande – Bernate Ticino – (MI) | In giro con Luchino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *